Spedizione in
drapeau Italia Italia
Quantità
Procedi all'acquisto

VINO BIOLOGICO
Vinatis ti presenta la selezione di vini biologici fatta per te che ami le cose naturali e genuine!

Scegli il vino che più ti corrisponde. Con i vari logo riportati in etichetta, non puoi sbagliare! Logo biologico europeo, Ecocert, Demerter ...

HAI DETTO VINO BIOLOGICO?

Partiamo dall'inizio: che cos'è un vino biologico?

Definizione rapida:

Un vino biologico è un vino prodotto biologicamente e che non prevede l'uso di sostanze chimiche da parte dei viticoltori.

Per essere considerato un vino biologico, deve essere prodotto con il 100% di uve da agricoltura biologica.

In Francia, l'agricoltura biologica si sta sviluppando sempre di più. L'Agence Bio, l'associazione francese per lo sviluppo e il sostegno dell'agricoltura biologica, ha contato 5.263 cantine che gestiscono circa 70.740 ettari, che rappresentano circa il 10% del vigneto francese. E questa cifra è in continuo aumento.

VINO BIOLOGICO, BIODINAMICO O NATURALE?

Che cos'è un vino biologico?

Un vino biologico è un vino prodotto secondo i principi dell'agricoltura biologica. Dal 2012, la denominazione "vino biologico" è regolamentata da direttive europee. I produttori devono rispettare rigide specifiche se vogliono ottenere il label biologico. In base a queste nuove norme, la quantità massima autorizzata di solfiti è stata ridotta. Inoltre, sono ammessi solo additivi biologici certificati, come lievito e zucchero. La più nota organizzazione autorizzata a rilasciare il label "AB" (Agriculture Biologique) si chiama Ecocert. Ma ci sono anche altri label. Esempi: Eurofeuille, Terra Vitis o Demeter...

LA ROLLS-ROYCE DEI VINI BIOLOGICI: IL VINO BIODINAMICO!

Per gestire un'azienda agricola biodinamica, è necessario essere già in possesso del certificato "biologico" o essere in fase di sviluppo. Ci sono alcune somiglianze tra un vino biologico e uno biodinamico, ma il biodinamico va ben oltre. Questo tipo di coltivazione influenza l'intera vita del vigneto. La coltivazione biodinamica esprime infatti un equilibrio tra la natura, la vite e l'ambiente circostante. Questo sistema si basa sul concetto di antroposofia creato da Rudolf Steiner (filosofo e agronomo austriaco). In breve, l'idea del suo approccio è quella di riabilitare e intensificare la vita nel vigneto, per rispettare meglio l'ambiente e ottenere una completa valorizzazione del territorio. Si tiene conto dei cicli lunari e della disposizione dei pianeti, che influenzano la crescita delle piante. Il miglioramento del terreno e delle viti avviene in modo naturale, grazie a estratti naturali di piante, animali e minerali in dosi omeopatiche. La soglia massima di solfiti è comunque inferiore a quella dell'agricoltura biologica. La biodinamica soffre ancora della sua immagine marginale e i suoi sostenitori sono spesso descritti come un po' pazzi. Tuttavia, i degustatori riconoscono sempre più spesso la qualità dei vini biodinamici durante le degustazioni.

UN VINO NATURALE E NECESSARIAMENTE PRIVO DI SOLFURI?

Il vino biologico è privo di solfiti? No, non esiste un vino completamente privo di zolfo, poiché l'anidride solforosa (SO2) viene prodotta anche durante il processo di fermentazione, quando lo zucchero viene trasformato in alcol con l'aiuto dei lieviti. Pertanto, un vino naturale è un vino che non riceve alcuna aggiunta di zolfo. I vini naturali contengono una quantità molto ridotta di solfiti o non ne contengono affatto. Non deve essere superata la dose massima di 40 mg/l per i vini bianchi e di 30 mg/l per i vini rossi. Gli altri vini non devono contenere solfiti. Per quanto riguarda i vini naturali, non esistono norme ufficiali. L'Associazione dei Vini Naturali (AVN) sta cercando di promuovere la coltivazione completamente biologica o biodinamica aggiungendo altre norme, come il divieto di utilizzare i lieviti, che sono parte integrante della produzione del vino, o la rinuncia vincolante a qualsiasi solfito o altro additivo.

Tuttavia, è importante comprendere i benefici dello zolfo nella produzione del vino. Ha proprietà antisettiche e antiossidanti. Lo zolfo aiuta a stabilizzare la fermentazione del vino, una volta imbottigliato. Pertanto, un vino a basso contenuto di zolfo deve avere condizioni di vinificazione perfette e un perfetto stoccaggio e conservazione.

I vini biologici contengono solfiti?

La risposta è sì: i solfiti sono presenti nel vino biologico, ma a livelli molto più bassi rispetto al vino prodotto con metodi convenzionali. Non esiste un vino privo di solfiti e "vino biologico" non significa necessariamente che il vino non abbia solfiti aggiunti! Per quanto riguarda la vinificazione, il vino biologico e il vino senza solfiti aggiunti sono due tipi di metodo distinti: il vino biologico è un vino che porta un'etichetta, mentre il vino senza solfiti aggiunti è soggetto a normative. La produzione di vini senza solfiti aggiunti è un processo molto complesso, poiché sono i solfiti a impedire o limitare l'ossidazione durante la vinificazione.

I solfiti (SO2) sono derivati dello zolfo che svolgono un ruolo fondamentale nella produzione e conservazione del vino. Senza solfiti, il vino si trasformerebbe in aceto! Il controllo dei livelli di solfiti nei vini biologici è molto più severo e quindi più debole rispetto ai vini non biologici. La dicitura legale "contiene solfiti" deve essere riportata sull'etichetta ogni volta che il vino contiene più di 10 mg/L di SO2. Il termine "vin sans sulfites" significa semplicemente che il vino non contiene solfiti aggiunti.

Perché il vino biologico contiene solfiti?

I solfiti sono prodotti naturalmente durante il processo di fermentazione del vino. Tuttavia, nella produzione di vino convenzionale, i solfiti vengono spesso aggiunti in quantità maggiori per motivi di conservazione. I solfiti agiscono come agenti antimicrobici e antiossidanti, aiutando a prevenire l'ossidazione del vino e a prolungarne la durata di conservazione. L'aggiunta di solfiti può anche contribuire a stabilizzare il vino e a mantenerne la qualità durante il trasporto e lo stoccaggio. Nella produzione di vino biologico, l'uso di solfiti aggiunti è limitato e regolamentato. In genere i produttori di vino biologico cercano di ridurre il più possibile l'aggiunta di solfiti. Lo zolfo aiuta a stabilizzare la fermentazione del vino già al momento dell'imbottigliamento. Per questo motivo, un vino a basso contenuto di zolfo necessita di buone condizioni di vinificazione, oltre che di uno stoccaggio e di una conservazione di qualità.

IL VINO BIOLOGICO È PIÙ COSTOSO DI QUELLO NON BIOLOGICO?

Sì, c'è una leggera differenza. I prezzi dei vini biologici sono in media più alti di quelli dei vini prodotti con fertilizzanti e pesticidi chimici. Ma la differenza di prezzo non è così grande. È anche relativamente piccolo, dell'ordine di pochi euro. Allora perché non concedersi dei vini naturali e salutari?

IL PREZZO GIUSTO PER UN VINO BIOLOGICO?

Il prezzo di un vino biologico non è necessariamente caro. In media, si aggira intorno ai 10 euro, un prezzo comunque ragionevole per vini prodotti in modo ecologico. Si possono trovare anche vini biologici più economici. D'altra parte, i prezzi salgono abbastanza rapidamente (fino a 20 euro) se si vogliono acquistare i vini biologici più rari.

IL VINO BIOLOGICO È MIGLIORE PER LA SALUTE?

SÌ! Senza dubbio! È stato infatti dimostrato che l'uso abusivo di pesticidi ha causato malattie e persino decessi tra molti viticoltori (soprattutto negli Stati Uniti, in California, dove i pesticidi sono stati particolarmente utilizzati negli anni '80 e '90). L'impatto sui consumatori rimane molto indiretto. I consumatori non sono esposti ai pesticidi come i produttori. Tuttavia. Consumare vini biologici è comunque meglio per la salute.

I VINI BIOLOGICI FANNO VENIRE MENO IL MAL DI TESTA?

Spesso, dopo una notte di bevute, si soffre di mal di testa. Ma molte persone hanno osservato che questo mal di testa è meno grave quando si bevono vini biologici. Sono stati condotti studi su questo argomento. E sì, secondo i risultati, i solfiti presenti nei vini non biologici sono effettivamente un fattore che può causare mal di testa.

I VINI CLASSICI E QUELLI BIOLOGICI HANNO LO STESSO SAPORE?

Non proprio... Senza solfiti, la fermentazione è meno stabile. È quindi logico che il gusto possa cambiare. Nel bene e nel male. Ma in genere in meglio! Spesso troviamo vini sorprendenti e molto piacevoli. E in questo caso, gli specialisti / sommelier / enologi ritengono che la ricchezza dei vini biologici spesso superi quella dei vini prodotti tradizionalmente..

Vino vegano, vino biologico: quali sono le differenze?

Un vino vegano è un vino che non entra in contatto con un prodotto animale durante la sua produzione. In passato, durante il processo di vinificazione venivano spesso utilizzati albume d'uovo o colla di pesce, in particolare durante la fase di chiarificazione del vino. In sintesi, perché un vino sia considerato vegano, i produttori devono utilizzare tecniche in cui il vino non viene messo a contatto con prodotti animali per la chiarificazione. I puristi arriveranno a sostenere che un vino è fatto da uve non raccolte con un cavallo da tiro? È possibile, ma per semplificare le cose, esistono vari marchi vegani in diversi Paesi ed è possibile esaminare i requisiti di ciascuno di essi. Un vino vegano e un vino biologico sono quindi diversi. Anche se la maggior parte di essi lo è, un vino vegano non è necessariamente biologico! I disciplinari per la produzione di vino biologico vietano l'uso di prodotti come la gelatina o l'albumina ricavata da sangue animale, ma consentono l'uso di albume d'uovo e caseina. Di conseguenza, un vino certificato "biologico" (etichetta AB) non è sempre vegano, e viceversa.

Il consumo eccessivo di alcol nuoce alla salute, consumalo con moderazione

© 2002-2024 VINATIS