Prodotto aggiunto con successo al tuo carrello

Quantità

Ad ogni vino il suo vitigno ...?

Definire un vino sulla base del vitigno impiegato non basta. La complessità degli aromi di un vino non si riduce certo alla specie coltivata, ma rappresenta il delicato e multiforme equilibrio tra quest’ultima, il territorio, il clima, le tecniche di vinificazione, le scelte operate dal vignaiolo...I fattori in gioco sono molteplici e da questo nasce l’infinita varietà caratteristica del mondo dell’enologia. Tuttavia, ogni vitigno lascia la sua impronta caratteristica e spesso è proprio questa “firma” che ci intriga di un determinato vino. Quello che fa la differenza su Vinatis è che tutti i nostri vini provengono direttamente da produttori francesi, la loro qualità è certificata da un disciplinare di produzione ed è testata dalla nostra équipe di sommelier per offrirvi solo i vini migliori. In più, su Vinatis puoi trovare dei vitigni autoctoni, cioè quelli coltivati nella loro zona di origine ! Chardonnay, Merlot, Gewurztraminer ... e tu di che vitigno sei ?

uve rosse

Vitigni rossi

In realtà si definiscono vitigni a bacca nera ... ma il vino che se ne produce è indiscutibilmente di colore rosso ! I vitigni più diffusi in Francia sono, in ordine, il Merlot il Grenache e il Syrah. Ma la varietà delle uve francesi non si esaurisce di certo qui...E per sapere quale vitigno è il tuo preferito, non ti resta che provarli tutti !

uve bianche

Vitigni bianchi

La lista delle uve a bacca bianca è lunghissima, ma i nomi famosi sono pochi : Chardonnay, Riesling, Gewurztraminer ! Se hai voglia di uscire dai sentieri battuti, Vinatis ha quello che fa per te : la nostra scelta è talmente vasta che non puoi non trovare il vino che cerchi !

Che cos’è un vitigno ?

Il vitigno rappresenta la base di partenza di un determinato vino. La vigna infatti, tecnicamente detta vitis vinifera, si è diversificata nel corso del tempo in migliaia di varietà differenti, sia in maniera spontanea che per effetto di incroci artificiali. Ogni vitigno si distingue per caratteristiche morfologiche (forma e colore degli acini e delle foglie) e fisiologiche (periodo di maturazione, resistenza alle malattie, ma anche contenuto di zuccheri, tannini, sostanze aromatiche). L’arte del vignaiolo sta proprio nella scelta del vitigno rispetto al tipo di suolo, al clima, al metodo di vinificazione che si vuole adottare, in relazione alla qualità del prodotto finale che si desidera ottenere.

Vitigni autoctoni, vitigni internazionali

 La distinzione tra le due tipologie non è molto netta. Per vitigno autoctono si intende un vitigno coltivato nel suo luogo di origine, come ad esempio il Merlot nella regione Bordeaux, o uno Chardonnay in Borgogna. In questo senso, moltissimi vitigni conosciuti a livello mondiale sono autoctoni della Francia. Tuttavia, molti fra di loro sono coltivati anche in luoghi diversi, e sono dunque chiamati vitigni internazionali per la loro capacità di adattarsi a climi e terreni diversi da quelli originari. I vini che ne derivano sono ovviamente influenzati dalle variabili in gioco ma riflettono inevitabilmente le caratteristiche della specie d’origine.